L’illusion comique

di Pierre Corneille – Trad. e adatt. di Luigi Lunari – Debutto 2014

Pridamante, tormentato dalla scomparsa di suo figlio Clindoro, dopo anni di vana ricerca, viene accompagnato da Dorante all’ingresso di una grotta in cui abita Alcandro, un mago che sa leggere nel cuore degli umani e che attraverso incantesimi e apparizioni mostrerà al vecchio padre avventure e peripezie del figlio, fino a giungere ad un finale imprevedibile.

La complessa struttura dell’opera, sapientemente tradotta e adattata, è basata su un gioco di apparenze ingannevoli, attraverso una contaminazione di generi: dal comico al tragico, dall’eroico al farsesco. E’ un omaggio al mondo e all’arte del teatro contemporaneo; la formula del “teatro nel teatro” viene portata alle sue estreme conseguenze: non solo la vita è un teatro, ma è il teatro stesso a diventare scelta e ragione di vita e chiave di lettura di una realtà sempre sfuggente e illusoria.

Dedicato a chi ha creduto, crede e crederà nel Teatro

Finalista al 27° Festival Nazionale “Maschera d’Oro” (VI) in cui vince il 1° premio “Migliore attore giovane” (14 marzo 2015)